Svappa di Paolo Bonzanini
Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ok


DI VILLA OPICINA


GAME OVER

Si parla in questi giorni di legge di stabilità (so che si intende di bilancio).

La stabilità è una condizione necesaria per qualsiasi attività umana, senza la stabilità purtroppo tutto si ferma.

Abbiamo esempi di alcuni Paesi che proprio per l'instabilità economica, politica e sociale rimangono più indietro rispetto a quelli che hanno stabilità politica, sociale ed economica.

Parlando di stabilità, voglio porre l'attenzione a queste due sentenze emesse dallo stesso importantissimo Organo Istituzionale.

Dico importantissimo, perché in base alle sue decisioni che sono sentenze, legittima o no qualsiasi provvedimento legislativo emesso dagli altri Organi dello Stato, e per tale motivo, non credo che esista Organo più importante come quello della Consulta della Corte Costituzionale.

Ma vediamo le sentenze nei due anni prestando attenzione non alla norma contestata, ma alle motivazioni contraddittorie che hanno portato a simili decisioni opposte:

Dove in fondo si vedono le decisioni prese.

Paradossalmente la domanda è la stessa, ma le decisioni sono totalmente differenti, opposte e contraddittorie.

Quindi, rilevato tutto ciò, la cosa che mi lascia perplesso è che l'intero ordinamento giuridico, non essendo oggettivo ma soggettivo relativo (dipende da chi e il momento lo osservi), risulta instabile e conferma il mio pensiero che fare impresa in Italia è purtroppo insostenibile, anche prechè gli stessi operatori economici sono indotti spesso ad errori dovuti a tale instabilità decisionale seppure stiamo parlando di un pilastro che dovrebbe fornire certezza: quello della Carta Costituzionale.

Buon divertimento in una grottesca lettura!